Loading...
Home2019-10-07T10:36:25+00:00

“La filosofia non è un tempio, ma un cantiere

G. Canguilhem

Regimi di verità

gennaio-maggio 2020

Siamo pronti a iniziare un nuovo anno (il settimo!) della Scuola di filosofia. Il primo appuntamento sarà l’11-12 gennaio 2020, ogni due week-end fino al 9-10 maggio.

“Regimi di verità”, ecco un titolo che parla da solo. Ci arriva dalle riflessioni più mature di Michel Foucault e ne esamineremo con attenzione critica il contesto. Comunque, indica già di per sé un programma impegnativo e decisamente attuale. Ci impegna a lavorare sul senso, solo in apparenza ovvio, della nozione di verità che oggi adoperiamo: da dove viene, perché ha perso il suo carattere di assolutezza, quali effetti produce sulla nostra soggettività, come si annoda alla filosofia e alla psicoanalisi, come può stare insieme alla nozione di differenza. Ma poi c’è quella parola “regimi” che apre un intero scenario di pensiero nel quale hanno un ruolo determinante l’“obbligo”, la “padronanza” e le loro conseguenze sulla nostra supposta libertà. Siamo nell’epoca della sorveglianza generalizzata e di una comunicazione mediatica pervasa dalla falsificazione.

Come direbbe lo stesso Foucault, sembra che il nostro compito sia essenzialmente quello di salvare almeno “un poco di verità” dal più che annunciato naufragio dei valori correnti. Affronteremo questo nodo di problemi attraverso le lezioni proposte dai tre Cantieri in cui si articola la Scuola, attraverso il lavoro seminariale dei tre Laboratori che li accompagnano, attraverso alcuni interventi significativi degli ospiti esterni che abbiamo invitato.

3 cantieri

+ 3 laboratori

72

ore complessive

36

ore di laboratorio

2

week-end al mese

COSA NE PENSA CHI L’HA FREQUENTATA

“La Scuola di filosofia si è confermata essere una grande opportunità di scambio, di riflessione, di stimolo, di arricchimento.
Apprezzo l’impostazione volta al coinvolgimento diretto di tutti i partecipanti.”

“C’è una scuola dove è più importante come si fanno le cose, di che cosa si fa.
Dove le idee non stanno sopra le persone, ma le attraversano.
Dove si crede impossibile insegnare. Ma lo si fa.”

“È stata un’esperienza che mi ha arricchita: l’originalità dei temi affrontati, la possibilità di condividere le letture e la conoscenza di altri membri della scuola è stata una splendida opportunità. I corsi si sono rivelati molto interessanti, perché attuali.”

“Ho apprezzato in particolar modo i momenti di dibattito e i laboratori che hanno consentito il confronto tra posizioni diverse e lo sviluppo di riflessioni personali.”

“È stata un’esperienza positiva, che mi ha dato nuovi strumenti teorici di analisi e critica del presente.”

ETICA MINIMA

gli ultimi articoli della rubrica di Pier Aldo Rovatti su “Il Piccolo”

EVENTI

Libreria Minerva

14 Novembre | 18:00 - 19:30