Verità e differenza

coordinato da Raoul Kirchmayr

Nel cantiere metteremo in relazione più livelli indagine: al primo livello seguiremo l’operazione con cui una direzione del pensiero della differenza, quella intrapresa da Jacques Derrida, ha messo in discussione le gerarchie simboliche lavorando dall’interno i codici della filosofia e la nozione metafisica di verità, confrontandosi anche con la psicoanalisi di Jacques Lacan. Al secondo livello vedremo come la decostruzione di Derrida entri in un quadro più ampio di effervescenza teorica e culturale, tra la fine degli anni Sessanta e gli anni Settanta, in cui si collocano anche il pensiero e le pratiche del femminismo sia in Francia sia in Italia. Il cantiere passerà così all’esame del rapporto tra scrittura e teoria sia nel pensiero della differenza della filosofa e psicoanalista Luce Irigaray, sia nel percorso inaugurale per il femminismo italiano tracciato dai testi di Carla Lonzi. Inoltre, seguendo le pratiche del femminismo, opereremo un’apertura sulla storia dell’arte, con una particolare attenzione alle avanguardie artistiche degli anni Settanta.

Insieme a Kirchmayr interverranno Linda Bertelli, Giulia Simi e Carla Troilo.

Raoul Kirchmayr
Raoul Kirchmayr

Docente di Filosofia e Storia nei Licei, insegna Estetica all’Università di Trieste. Ha studiato a Trieste, Bruxelles, Parigi. Redattore di “aut aut” e membro dell’”équipe Sartre” (ITEM, Parigi), ha all’attivo oltre un centinaio di pubblicazioni. Tra le più recenti il volume Passioni del visibile. Saggi sull’estetica francese contemporanea (ombre corte, Verona 2018) e, con E. Lisciani-Petrini, la cura del fascicolo di “aut aut” Sartre/Merleau-Ponty. Un dissidio produttivo.

Linda Bertelli
Linda Bertelli

Ricercatrice in Estetica presso Scuola IMT Alti Studi Lucca. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Filosofia all’Università di Pisa. È stata visiting scholar presso la City University of New York. Ha pubblicato diversi lavori, tra monografie e saggi, sulla teoria dell’immagine nel pensiero di Henri Bergson, sul fisiologo francese Ètienne-Jules Marey e la fotografia scientifica, sull’estetica di Ernst Bloch e sull’opera della pensatrice femminista italiana Carla Lonzi.

Giulia Simi
Giulia Simi

Ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia delle Arti e dello Spettacolo all’Università di Pisa ed è insegnante, curatrice e ricercatrice indipendente. I suoi studi, pubblicati in numerose riviste scientifiche, si concentrano sulla scena artistica degli anni Sessanta e Settanta con particolare riferimento alle pratiche femministe. Nel 2018 ha curato la rassegna Soggetti imprevisti: il cinema e il video di ricerca delle donne in Italia dagli anni ’60 a oggi per la 54a edizione della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro.

Carla Troilo
Carla Troilo

Ha studiato Filosofia presso l’Università di Roma “La Sapienza”. Nel corso dei suoi studi universitari e post-universitari si è occupata soprattutto del pensiero di Michel Foucault di cui ha tradotto, con Massimiliano Nicoli, il corso Lezioni sulla volontà di sapere (1970-1971) e, con Deborah Borca, il corso Soggettività e verità (1980-1981).